la mia città del cuore

Con questo articolo partecipo alla staffetta Di Blog in Blog, una vera e propria staffetta fra blogger che scrivono contemporaneamente, il 15 di ogni mese, su un argomento scelto in precedenza a maggioranza. Questo mese si parla della nostra  città preferita.

Io sono romana ed anche se ho viaggiato molto ed vissuto altrove per alcuni periodi della mia vita, la mia città del cuore rimane sempre Roma.

foto aerea di Roma

E’ unica al mondo, so di essere di parte, ma per me è la città più bella, in cui sono contenta di vivere, pur con il suo caos e la sua sporcizia!

E’ una città in cui convivono ancora, l’uno accanto all’altro o sopra all’altro, stratificati, 2766 anni di storia, che sono lì, tangibili, a portata di mano di chiunque, non solo nel centro storico, che peraltro è grandissimo, ma anche nelle periferie. Dove hanno vissuto, amato, sofferto 190 generazioni di esseri umani. Dove artisti di epoche lontane fra loro hanno espresso il massimo dell’ingegno umano, dagli architetti e scultori dell’antichità, a Michelangelo, Raffaello, Bernini, Borromini, Caravaggio.

Basta passeggiare in una di quelle splendide giornate che Roma sa offrire spesso e si incontrano i resti della prima Roma, quella dei re, poi le testimonianze della Roma repubblicana e di quella imperiale, accanto a quelle del primo Cristianesimo e della Roma dei papi, a quelle medioevali, rinascimentali e barocche ed infine la Roma capitale del regno, con i quartieri costruiti dai piemontesi e la Roma modificata durante il fascismo, con gli sventramenti dei Fori imperiali e di via della Conciliazione, ma anche con l’E.U.R., costruito per l’ Esposizione Universale del 1942. “ In questo luogo si riallaccia l’intera storia del mondo, e io conto di esser nato una seconda volta, d’essere davvero risorto il giorno in cui ho messo piede in Roma“. (J.W.Goethe, Viaggio in Italia).

DSC_0986

Mi piace passeggiare per Roma e l’ho fatto fin da quando ero piccola, ogni volta l’ esplorazione è gradevole e c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire. “Queste cose magnifiche mi fanno sempre ancora l’effetto di nuove conoscenze” (J.W.Goethe, Viaggio in Italia).

Il paesaggio romano è dunque estremamente vario, ma sicuramente conosciuti ovunque sono i suoi pini, che crescono fra i ruderi con la tipica forma ad ombrello. Erano presenti ed apprezzati fin dai tempi antichi. Virgilio li riteneva bellissimi  “pulcherrima pinus in hortis” (Bucoliche). Respighi li ha messi in musica.

Ostia antica 011

Ed il Tevere, senza del quale la città non sarebbe esistita. Lungo le sue sponde si specchiano i millenni ed il fiume continua il suo andare a volte placido, a volte limaccioso e gonfio, testimone muto di fasti e tragedie, a cominciare da quella leggenda dei due piccoli gemelli abbandonati in una delle paludi che i suoi affluenti formavano prima della confluenza.

piena tevere

Stupendi sono i suoi ponti, alcuni dei quali, il ponte Cestio e il ponte Fabricio dell’isola Tiberina ed il ponte Milvio, risalgono al 1° secolo a.Cristo; altri furono resi grandiosi dai papi e dai principi romani.

Ponte S.AngeloPonte s.Angelo

Già, l’isola Tiberina, altro luogo altamente simbolico e ricco di leggende; servì da facile guado del fiume per le tribù di pastori, per cui fu probabilmente determinante per la fondazione della città sul colle Palatino che gli sta di fronte. Fu luogo sacro, in cui sorgevano templi dedicati a diverse divinità, fra cui il santuario-ospedale dedicato ad Esculapio, dio greco della medicina. Anche quando il Cristianesimo cancellò il culto pagano, l’isola rimase dedicata alla cura delle malattie e l’ospedale attuale, il Fatebenefratelli, conserva nel suo sottosuolo resti del tempio di Giove. I miei figli sono nati là, nel cuore di Roma, come tanti bambini romani. La sala parto era posta a prua e dalla finestra si vedevano i pini e si sentiva scorrere l’acqua. Lorenzo andava raccontando alla maestra che lui era nato su un’isola!

piena del TevereL’isola Tiberina durante la piena del Tevere dell’autunno 2005

Roma è una città ricca di acque; gli antichi romani costruirono acquedotti fin dal IV secolo a.C., di alcuni restano i grandiosi resti e gli acquedotti moderni seguono lo stesso tracciato degli antichi. Dopo i secoli bui delle invasioni barbariche, durante le quali furono tagliati, i papi li ripristinarono facendo costruire fontane monumentali, che fossero opere pubbliche, ma anche decoro per la città.

Le fontane sono a volte spettacolari come la fontana di Trevi che appare improvvisamente, se si sbuca da una delle strette strade intorno, in tutta la sua maestosità ed il candore del travertino. Ma in città le fontane degne di essere ammirate sono decine e decine, dalle più famose come la Barcaccia di piazza di Spagna ed il Tritone del Bernini o il fontanone dell’Acqua Paola sul Gianicolo, alle meno note  come la fontana delle Tartarughe nella raccolta piazza Mattei, ad un passo dal Campidoglio o la piccola fontana del Babuino, da cui la via  prende il nome.

Sicuramente le fontane più piacevoli per romani e turisti assetati sono i famosi “nasoni”, che in tutta la città dispensano un’acqua di sorgente freschissima.

nasone a Montesacro

La città è ricca anche di ville, inizialmente appartenenti alle famiglie patrizie, ma ora comunali. Quella più conosciuta è villa Borghese, ceduta al comune di Roma fin dal 1903. Mio padre vi giocava, poi io ed i miei fratelli, infine i miei figli. Il leone di pietra del Giardino del Lago ha il dorso consumato da quattro generazioni di piccoli cavalcatori. E poi è stata testimone delle passeggiate romantiche, sulle sue panchine abbiamo preso decisioni importanti o semplicemente abbiamo cercato un po’ di relax all’ombra dei suoi lecci centenari. Ma care mi sono anche le altre che hanno visto crescere i miei figli, in particolare villa Ada e villa Torlonia, peraltro strettamente legate alla storia d’Italia del ‘900.

Con questo metto un punto all’articolo, proponendomi di dedicarne altri alla mia città; mi sono resa conto infatti che spinta dall’entusiasmo, rischio di essere logorroica e dispersiva. Ho deciso però di continuare a scrivere su quest’argomento, aggiungendo al mio blog una nuova categoria: “Passeggiate romane”.

Qui di seguito c’è l’elenco dei blog che questo mese hanno parlato della loro città del cuore.

  1. Casa Organizzata
  2. Mammamogliedonna
  3. LeMcronache
  4. Federicasole
  5. Mamma & Donna
  6. SamantaGiambarresi
  7. Il mondo di Cì
  8. Per sempre mamma
  9. Quellocheunadonnadice
  10. Ferengi in Bruxelles
  11. Selima Negro
  12. simona elle
  13. MaisonLab
  14. Pattibum
  15. Fiori e vecchie pezze
  16. La donna che sono
  17. HOME-TROTTER
  18. Illustrando un Sogno
  19. Le mie patate lesse
  20. Letture al contrario
  21. CeciliaKi
  22. CamilleJaval
  23. Before & After
  24. Vita da Stre…Mamma
  25. La Torre di Cotone
  26. Mother of Two
  27. Livin’+Abroad
  28. Lucca guide
  29. I Viaggi dei Rospi
  30. Design Therapy
  31. BLOG A CAVOLO
  32. Vivere a Piedi Nudi
  33. Il caffè delle mamme
  34. Bloc-Notes Viaggi
  35. Udine, la mia città e nonna Pina
  36. GeGeMastucola
  37. La Diva delle Curve
  38. GocceD’aria
  39. Amarcord Barcellona
  40. Il Pampano
  41. Ilsaporedelsole
  42. Con le mani nel sacher
  43. Mammerri
  44. Priorità e passioni
  45. Casa di mamma
  46. Bodò. Mamme con il jolly

L’appuntamento con la staffetta è per il 15 aprile con un nuovo argomento a sorpresa!

Annunci

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, I Balocchi del Tipo Strano, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa