la Sardegna ed il conte Ugolino

Prima del nostro ultimo viaggio in Sardegna ignoravo che ci potesse essere qualche relazione fra l’isola ed il conte Ugolino della Gherardesca, il nobile pisano che nel 1289 fu lasciato morire d’inedia insieme ai suoi figli e nipoti con l’accusa di tradimento e che è noto a tutti per i versi di Dante che, nel XXXIII libro dell’Inferno, lo colloca nel girone dei traditori della patria, insieme al suo acerrimo nemico, che ne decretò la morte, l’arcivescovo Ruggeri degli Ubaldini.

Quello che ho appreso nel nostro gironzolare in Sardegna, fra spiagge, boschi e città, è che la storia  di Iglèsias,  inizia proprio con l’amministrazione del conte Ugolino, cui era stato assegnato il territorio quando, nel 1257, Pisa si impadronì del giudicato di Cagliari. Ugolino favorì la nascita della città mineraria e la organizzò sul modello di un comune toscano.

Nel comune di Silìqua, a circa 25 chilometri da Iglesias, sorgono le imponenti e suggestive rovine del castello di Acquafredda, fatto costruire dalla famiglia della Gherardesca, dopo il 1267. I resti del castello sorgono su un caratteristico colle di origine vulcanica, che si erge isolato sopra la pianura coltivata.

sardegna 13 268

La  visita, a pagamento, è molto interessante. Si  raggiunge il castello con un sentiero che si arrampica sui fianchi del colle. Lungo il percorso numerosi pannelli forniscono informazioni sulla storia del castello, sul territorio e sugli alberi ed arbusti della macchia mediterranea che sono stati piantati sulle pendici del colle. In particolare sono diffusi gli alaterni (Rhamnus alaternum), piccoli alberi molto resistenti ai venti ed alla siccità, con belle foglie lucide di un verde intenso e bacche che maturando diventano prima rosse e poi nere.

241 castello di Acquafredda

Si incontrano anche molte euforbie arboree (Euphorbia dendroides) che in estate perdono le foglie per resistere alla siccità e vivono bene in ambienti aridi e rocciosi.

sardegna 13 263

Dalla cima del colle si gode un bel panorama a 360°, che ripaga della fatica della salita.

232 castello di Acquafredda

Il luogo ed il castello sono estremamente evocativi della terribile storia del conte e della sua famiglia, che colpì fortemente l’immaginazione dei contemporanei, fino a diventare immortale attraverso i versi che Dante scrisse solo qualche decina di anni dopo, versi terribili che narrano dello strazio dell’amore paterno impotente a evitare la fine orribile dei suoi figli e nipoti e dell’efferatezza a cui arrivarono le lotte politiche a Pisa. “Tu vuoi ch’io rinovelli disperato dolor che ‘l cor mi preme”, sono versi famosissimi con cui Dante volle celebrare il suo maestro e guida Virgilio, che nell’Eneide, fa iniziare così il racconto di Enea alla regina Didone.

la macchia mediterranea

Arrivando con la nave presso le coste sarde si avverte come prima sensazione il profumo della vegetazione della sua macchia mediterranea, del lentisco, del mirto, del cisto, del rosmarino, del ginepro.

sardegna 13 179

E’ costituita soprattutto da arbusti, spesso spinosi, che formano un sottobosco intricato e impenetrabile. Non è un caso che il detto “darsi alla macchia” significhi proprio nascondersi, entrare in clandestinità.

E’ presente lungo la fascia costiera e l’entroterra di tutta la regione mediterranea, quindi interessa gran parte della nostra penisola e delle isole. Le piante della macchia hanno poche esigenze e riescono a crescere in luoghi impervi, aridi e rocciosi.

110 Capo Caccia (1)

Si trova di frequente dove la foresta originaria è stata tagliata o distrutta con incendi. La sua formazione è spesso molto antica, fin dai tempi preistorici infatti l’uomo ha agito sull’ambiente per avere a disposizione terreni per il pascolo o per le coltivazioni. In tempi più recenti si è completata l’opera tagliando la foresta originaria, per ricavare carbone o legname. Dell’antica foresta rimangono solo alberi isolati: grandi lecci e querce da sughero.

Quercia da sughero

Quercia da sughero

Gli arbusti che popolano la macchia sono specie adattate a resistere al caldo ed alla siccità estivi, mentre non hanno gravi problemi d’inverno grazie alla mitezza del clima, che raramente presenta temperature inferiori allo zero. Sono perciò sempreverdi, con foglie  coriacee, che hanno la pagina superiore rivestita da una pellicola lucida ed impermeabile che limita la perdita di acqua.

Ancora oggi è sfruttata dal pascolo o distrutta dagli incendi, perciò si selezionano piante sgradite al bestiame perchè spinose, irritanti come le Euforbie o dall’odore troppo intenso, come l’elicriso.

sardegna 13 319

Altre come il cisto che ricrescono rapidamente dopo un incendio.

sardegna 13 354

Per resistere alla siccità ed al calore estivo è frequente il fenomeno dell’estivazione, cioè la perdita delle foglie in estate, come nel caso dell’Euforbia arborescente.

sardegna 13 263

Un altro elemento limitante è il forte vento che soffia spesso sulla costa, per cui gli alberi assumono la caratteristica forma “a bandiera”

sardegna 13 131

Altre specie caratteristiche della macchia sono la fillirea, l’alaterno, l’erica e la palma nana, l’unica palma che cresce spontanea in Italia.

Capo Caccia visto da Porto Conte

Capo Caccia visto da Porto Conte

Gli esseri umani hanno sempre sfruttato le piante della macchia per i loro aromi: il rosmarino ed il mirto sono comunemente usati nella cucina mediterranea, ma anche il lentisco forniva una resina profumata usata in campo medico ed alimentare.

sardegna 13 238

A me la macchia mediterranea piace moltissimo, oltre che per il suo profumo e per le splendide fioriture, mi fa pensare alla caparbietà con cui le specie viventi riescono ad adattarsi a qualunque condizione, anche la più proibitiva.

 

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts - cucito creativo,scrapbooking,bomboniere

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale