Roma e i suoi acquedotti

Roma è una città ricca di acque che non sono solo quelle del Tevere e dell’Aniene, ma ottime acque di fonte provenienti da sorgenti che per la maggior parte sgorgano ad una distanza di poche decine di chilometri dalla città. I cittadini romani possono contare su un rifornimento di acqua proveniente da grandi falde acquifere profonde che è fra i più alti nel mondo.

La maggiore risorsa sono le sorgenti delle aree vulcaniche a nord e a sud di Roma, i Colli Albani e i Sabatini, e quelle provenienti dall’Appennino.

A Roma parte degli antichi acquedotti costruiti magistralmente sono ancora in piedi, nonostante le demolizioni e i crolli avvenute nel corso dei millenni. Dopo che la città divenne capitale ulteriori demolizioni furono fatte per far posto alle costruzioni più recenti.

I più suggestivi sono quelli del Parco degli Acquedotti nel Parco Regionale dell’Appia antica, immersi nello splendido scenario della campagna romana.

I Romani cominciarono in epoca molto antica a costruire acquedotti, il primo è quello Appio costruito nel 312 a. C. che trasportava a Roma l’acqua proveniente da sorgenti distanti circa 15 Km da Roma lungo la via Prenestina ad est della città, era quasi tutto sotterraneo. Successivamente l’Anio vetus portava a Roma le acque dell’Aniene captate presso le sue sorgenti sui monti Simbruini. Successivamente un secondo acquedotto captò le acque nella stessa zona, è l’Aqua Marcia che, ristrutturato al tempo di Pio IX, ancora oggi arriva a Roma.

Roma, via Nomentana

fontana dell’Acqua Marcia sulla via Nomentana

A Porta Tiburtina, all’inizio della via omonima, sopra le mura aureliane passavano ben tre acquedotti, quello dell’Aqua Marcia, dell’Aqua Iulia e dell’Aqua Tepula.

Anche Porta Maggiore, una delle tante porte delle mura Aureliane, all’inizio della via Prenestina e della via Labicana, era stata ricavata dagli archi degli acquedotti Claudio e Anio Novus iniziati sotto l’imperatore Caligola e terminati sotto Claudio nel 52 d.C. Altri archi furono invece inglobati nelle fortificazioni.

Nerone fece costruire una diramazione che dall’acquedotto Claudio portava acqua alla Domus Aurea; alcune delle sue superbe arcate si possono ancora vedere in via Statilia, vicino alla basilica di Santa Croce in Gerusalemme,

L’Aqua Virgo invece captava le acque a est di Roma, alle pendici dei Colli Albani. In tutto erano ben undici gli acquedotti che rifornivano la città, l’acqua era necessaria anche per alimentare le terme che in epoca imperiale arrivarono al considerevole numero di duemila!

Le invasioni barbariche provocarono morte e distruzioni, gli invasori tagliarono tutti gli acquedotti e Roma, impoverita e spopolata, da città ricca di acque e di terme, si ritrovò ad essere alimentata solo dalle acque del Tevere per tutto il medioevo. Gli acquedotti che non erano stati tagliati non ebbero manutenzione e lentamente furono ostruiti dalle precipitazioni del carbonato di calcio di cui è ricca l’acqua.

A partire dal XV secolo i papi cominciarono a restaurare gli acquedotti, il primo fu quello dell’Aqua Virgo nel 1453, andava ad alimentare numerose fontane fra cui la Fontana di Trevi. Le fontane di cui Roma è giustamente famosa furono fatte costruire dai papi proprio a partire da questo periodo come “mostre dell’acqua”.

Fontana dei Fiumi, il Nilo

Fontana dei Fiumi a piazza Navona

Sul Gianicolo il “fontanone” dell’acqua Paola fatto costruire dal papa Paolo V continua a versare copiosamente l’acqua proveniente da sorgenti vicine al lago di Bracciano.

Gianicolo

Papa Sisto V, Felice Peretti, alla fine del 1500 fece costruire l’acquedotto Felice, così chiamato in suo onore. Fu in parte demolito per far posto alla Stazione Termini che fu costruita proprio a ridosso del suo arco.

Molte furono le demolizioni nei primi anni di Roma capitale, a piazza Guglielmo Pepe, vicino a piazza Vittorio Emanuele II, nel quartiere “piemontese”, rimangono le sei maestose arcate di un altro acquedotto di epoca imperiale.

L’acquedotto più moderno che alimenta oggi parte di Roma è quello del Peschiera-Capore, costruito a partire dal 1935 che porta l’acqua dalle sorgenti carsiche dell’Appennino lungo il corso del fiume Velino ad est di Rieti a cui si aggiungono quelle delle sorgenti Capore sui monti Sabini.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

SempliceMente HomeMade

SempliceMente HomeMade

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

SempliceMente HomeMade

SempliceMente HomeMade

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, gigantizzazioni, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa