coperte fatte a mano

Comincia a far freddo, le coperte fanno piacere, ancora di più se si fanno a mano: a maglia, all’uncinetto o ancora meglio riciclando i ritagli di stoffa come in questa trapunta

IMG_0041

o i vecchi maglioni come in questo plaid.

Per riciclare gli avanzi di lana invece si può fare un plaid con i quadrati della nonna,

lavorivari 013 - Copia

in questo caso sono degli esagoni!

plaid

Un paesaggio marino di lana a crochet con tanti animaletti colorati terrà caldi i più piccoli. Le spiegazioni sono in questo post.

Questo plaid è invece realizzato a punto Tunisi, con i ricami a punto croce,

plaid tunisi (2)

punto a croce per la cucina

varie3 007

Come ho già scritto in questo post lavorare con le mani mi rilassa, così negli anni ho ricamato tanti asciugapiatti e presine per la cucina, la maggioranza li ho regalati.

Questi sono gli ultimi lavori per inaugurare una nuova casa!

tante borse fai da te

Tante e tante sono le borse che ho fatto negli anni, a crochet, ricamate, cucite, ricavate da vecchie maglie, da scampoli di stoffa. Eccone alcune con i link che rimandano alle spiegazioni.

Le borse a crochet:

Le borse ottenute da riciclo: di un vecchio maglione,

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è borsalanacotta-vale.jpg

di cravatte,

Di vecchi jeans,

Da magliette

borsa azzurra2 002

Ricamate

borsa germano

regali di Natale fatti a mano

In questo Natale particolare in cui è meglio non girare troppo per negozi e in cui vedremo pochissime persone, possiamo però dedicarci a recuperare la nostra manualità e fare a mano piccoli regali per le persone più care. Saranno sicuramente graditi e saranno fonte di soddisfazione per chi li fa.

Ho raccolto un po’ di idee di piccoli oggetti, sciarpe, guanti, cappelli, giocattoli che ho fatto negli anni. Cliccando sul link si possono trovare le spiegazioni.

I portatovaglioli sono semplicissimi e rapidi da fare e si possono utilizzare avanzi di filo. La spiegazione è qui.

Gli asciugamani ricamati fanno piacere a una donna romantica

Un cappello caldo è rapido da fare e gradito da chi lo riceve. La spiegazione per farlo è qui.

Ancora meglio se è abbinato a una sciarpa morbida. Qui le spiegazioni per la sciarpa.

Gli scaldapolsi si fanno in poco tempo. la mia spiegazione è qui.

Chi preferisce lavorare ai ferri può fare questi.

mezzi-guanti-ai-ferri-

Gli astucci per smartphone possono farsi con ritagli di jeans o vecchie cravatte.

Un papavero a crochet può rallegrare un normale strofinaccio da cucina o una presina. Qui le spiegazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è strofinaccio-con-papavero-a-crochet.jpg

I sacchetti per la lavanda sono profumati e rapidi da fare.

Un astuccio a forma di gatto è simpatico e facile da fare. Qui le spiegazioni.

Per un neonato si può fare a crochet una palla Montessori. Qui le spiegazioni, sono in inglese, ma le foto rendono chiaro il lavoro da fare.

Un poncho colorato terrà caldo e il bimbo. La spiegazione è qui.

Lo zainetto con la Pimpa sarà gradito ai più piccoli. Qui le spiegazioni.

Le scarpette bianche e rosse sono un regalo per festeggiare il primo Natale. La spiegazione è qui.

Per il primo Natale va bene anche il bavaglino ricamato.

Qualcosa di dolce è sempre gradito, soprattutto se fatto in casa, qui ci sono un po’ di idee con la ricetta.

Per la tavola di Natale, anche se i commensali saranno pochi, un salvagocce a crochet che si fa in pochissimo tempo. Le mie spiegazioni sono qui.

E per finire il pupazzo di neve sorridente si può appendere all’albero.

ricamare alberi

Progettare, ricamate, lavorare all’uncinetto alberi è un’attività che mi piace molto, è rilassante e il risultato che ottengo è gradevole. Qui una serie di lavori che hanno gli alberi come protagonisti. Il primo l’ho lavorato a punto a croce su tela che poi ho cucito su un cuscino già pronto.

Per il pannello con l’albero fiorito ho ricavato il tronco e i rami da vecchi jeans ed ho lavorato all’uncinetto fiori, foglie, farfalle e uccellino. Le spiegazioni per le applicazioni le ho scritte qui.

Per questo pannello con gli animaletti colorati invece l’albero è fatto tutto a crochet.

Infine l’alberello di Natale per accompagnare un pacchetto.

la sacchetta centenaria

Non si può dire che siamo una famiglia di consumisti, l’usa e getta non fa parte del nostro patrimonio culturale! Quello che però ho trovato fra le cose “messe da parte” è addirittura più che centenario! Una sacchetta o meglio una bustina ricamata per gli indumenti di un neonato che risale al 1919!

La data la posso dedurre dal nome del neonato ricamato, Enzo, un mio zio nato appunto in quell’anno; è di lino, con un tralcio di campanelle ricamate in rilievo. Non so chi la ricamò, forse mia nonna o la mia bisnonna. Quel che so è che di neonato in neonato è arrivata fino alla mia nipotina, quattro generazioni dopo; è un po’ malandata, il lino in alcuni punti è consumato, ma ha un “valore aggiunto” è restata in famiglia per un secolo e ancora può svolgere il suo lavoro, tanto più che l’iniziale del nome è la stessa!

piante palustri

Oasi di Ninfa

Le piante palustri sono molto particolari, alcune vivono completamente sommerse come i Potamogeton e il Mirifillo che emergono solo durante la fioritura e la fruttificazione.

Oasi di Ninfa

Altre hanno il fusto sott’acqua a volte molto lungo e le radici che le ancorano al terreno sommerso, mentre le foglie e i fiori emergono e galleggiano, come nel caso delle bellissime ninfee, chiamate come le antiche divinità dei fiumi.

Palude di Annibale, Colfiorito

I canneti sono molto frequenti sulle sponde di laghi e fiumi, possono avere il fusto sommerso fino a 2 metri di profondità.

Lago di Fondi (Lt)

Lago Trasimeno (Pg)

Palude di Annibale (Colfiorito, Pg))

Alcune piante acquatiche non sono originarie dei nostri territori, ma una volta importate sono diventate specie invasive come questi giacinti d’acqua (Eichhornia crassipes) originari dell’Amazzonia che a causa del loro elevato tasso riproduttivo sono considerate fra le cento specie più dannose al mondo.

Stagno di Cabras (Or)

Altre piante colonizzano le rive come i giunchi, gli zigoli e gli equiseti. Questi ultimi conosciuti anche come code di cavallo per il loro aspetto, sono piante molto antiche, sono stati ritrovati fossili risalenti a quasi 400 milioni di anni fa. Non si propagano con organi sessuali maschili e femminili come le piante più evolute, ma attraverso spore. Vivono in terreni umidi e semisommersi.

Equiseti, Giardino Botanico di S. Eufemia a Maiella

Anche alcune specie di alberi vivono bene vicino all’acqua, sono i salici, i pioppi, gli ontani.

Salice bianco, Salix alba

 

 

 

 

 

 

perline

Questa piccola borsa colorata apparteneva ad una zia di mio padre, non so se la fece lei o la comprò, ma è sicuramente un lavoro bellissimo e accurato fatto con migliaia e migliaia di perline minuscole. Era necessaria una pazienza infinita ed una abilità notevole per realizzare questo piccolo oggetto vezzoso.

La moda di cucire perline colorate di vetro su tessuti, pelli e di utilizzarle per monili ed altri oggetti ornamentali cominciò molti secoli fa, a Venezia dove erano le vetrerie che realizzavano questo materiale fino dai primi secoli del secondo millennio.

Venezia commerciò le sue perle di vetro dapprima in Europa e lungo le sponde del Mediterraneo, poi con l’aumento dei traffici marittimi, queste divennero una vera e propria moneta di scambio con le popolazioni di tutto il mondo che ne facevano un grande uso realizzando spesso oggetti di grande bellezza.

Alcuni di questi oggetti si possono acquistare anche oggi dagli artigiani africani, io ne ho alcuni, sono  allegri e piacevoli da guardare.

Oggi la maggior parte delle perline sono fabbricate in oriente ed hanno un costo molto basso per cui non hanno più il ruolo di moneta di scambio. Sono comunque un buon modo per abbellire i nostri lavori (cliccando sulla foto si può accedere al post con le spiegazioni).

 

 

 

Natale fai-da-te per i bimbi

Due mesi a Natale! Per chi ha voglia di fare da sè tante idee di regali fatti a mano realizzati all’uncinetto, a ricamo, cucito, per i nostri bimbi: figli, nipoti, figli di amici. Quasi tutti richiedono pochissimo tempo e pochi materiali a volta di recupero come i gufetti da applicare a una borsa o a un pannello colorato che ho ricavato senza neanche tagliare e cucire da sacchetti di pannolenci che contenevano bigiotteria

o questo bruchetto i cui dischi da attaccare e staccare sono ricavati da felpe o vecchi maglioni infeltriti. La sua descrizione è qui.

Il tappetino per giocare è ricavato invece da vecchie magliette.

Con pochi avanzi di lana si può fare la sciarpetta con il gufo lavorata all’uncinetto. Qui ho scritto come farla.

Con l’uncinetto si può fare di tutto, il golfino con le tasche a cuore

o il piccolissimo coprifasce per il primo Natale,

le calzine

o i giocattoli,

(Qui la spiegazione del libretto)

o una copertina natalizia con i cuori,

questa copertina è invece marinara.

Facili e rapidi da fare sono i bavaglini (qui la spiegazione)

e gli addobbi da appendere all’albero che si possono toccare e mettere in bocca! Qui le spiegazioni della mia stellina.

Una bimba che va a scuola gradirà l’astuccio a forma di gatto!

Un’idea può essere anche il bordo all’uncinetto filet per un piccolo e vezzoso asciugamano.

È fatta ai ferri invece la scamiciata con la paperella.

Il ricamo a punto a croce dà modo di confezionare in poco tempo bavaglini,

accappatoi,

pannelli per il cambio.

E perché non provare a fare un intero presepe con materiali di recupero: avanzi di stoffe, di merletti, di lana, stuzzicadenti, ghiande, fil di ferro? Ne ho parlato qui.

i maestosi ontani

Durante le passeggiate lungo le rive di fiumi o torrenti si può incontrare un albero maestoso e imponente alto fino a 25 m che regala una piacevolissima ombra. È l’Ontano nero (Alnus glutinosa) che cresce in luoghi umidi, vicino a corsi d’acqua. Il nome del genere deriva dal celtico “al han” (vicino all’acqua). Le foglie giovani e i germogli sono vischiosi, da qui il termine specifico “glutinosa”.

Ha una chioma piramidale per permettere a tutte le foglie, anche quelle più basse di avere luce.

Ha fiori maschili e femminili distinti sulla stessa pianta, le infiorescenze maschili sono cilindriche, quelle femminili più piccole e ovali.

In tarda estate e inizio autunno si sviluppano le piccole pigne che racchiudono i semi di cui si nutrono i lucherini durante la migrazione.

Si trova sulle rive di fiumi e torrenti anche in ambienti periodicamente inondati e paludosi e su suoli sabbiosi, argillosi, poveri. Sulle radici spesso vi sono tubercoli radicali che ospitano batteri fissatori dell’azoto atmosferico che arricchiscono i terreni argillosi delle rive.

 

Voci precedenti più vecchie

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Gymnastics Creative

Ciao a tutti io sono Mariasole ho 12 anni sono un'homeschoolers, faccio ginnastica artistica da pochissimo tempo ma mi sono subito appasionata, oltre alla ginnastica artistica ho la passione di creare: lavoretti collane bracciali ecc. ecc. per questo il mio blog si chiama gymnastics creative (G.C.)

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Gymnastics Creative

Ciao a tutti io sono Mariasole ho 12 anni sono un'homeschoolers, faccio ginnastica artistica da pochissimo tempo ma mi sono subito appasionata, oltre alla ginnastica artistica ho la passione di creare: lavoretti collane bracciali ecc. ecc. per questo il mio blog si chiama gymnastics creative (G.C.)

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts - cucito creativo,scrapbooking,bomboniere

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)