bellezza effimera

I prati della montagna, ricoperti di neve per lunghi mesi, spazzati dal vento e con temperature molto basse, in questi mesi si accendono di colori vivaci e bellissimi.

Sono i fiori delle specie che sono adattate a questi ambienti così inospitali. Hanno poco tempo per compiere tutto il loro ciclo vitale, arriverà presto l’autunno. Con i bei colori e i profumi attirano gli insetti impollinatori, non appena le temperature consentono di sbocciare. I semi devono essere maturi ai primi rigori invernali, pronti a passare l’inverno coperti da uno strato di neve.

Fra i primi a sbocciare sono i crochi

e le scille

Le sassifraghe riescono a vivere sui ghiaioni delle morene e sulle cenge rocciose. Alcune specie sfidano l’alta quota fino ad altezze impensabili.

val Masino_ Sassifraga

Sassifraga

Gli epilobi vivono bene nei greti dei torrenti e sui depositi alluvionali in alta quota

val Malenco_Epilobio di Fleischer

Alcune composite oltre a difendersi dal vento e dall’aridità devono anche evitare di essere mangiate! Sono perciò particolarmente coriacee e spinose come questi cardi.

 

La bellezza delle orchidee è ineguagliabile!

val Masino Predarossa_Orchideacea

Ma anche gli astri brillano dei loro colori

val Masino_Astro alpino

L’arnica è come un sole

Le campanule sono sempre presenti con la loro delicata bellezza

Insieme alle numerose specie di genziane che rappresentano sempre una bella scoperta per l’escursionista.

Ogni pugno di terra in mezzo alle rocce è colonizzato da decine di specie vegetali diverse che convivono in pochi metri quadrati.

Il papavero alpino colonizza le alte quote delle Alpi. Sui ghiaioni dolomitici in piena estate spicca il suo giallo; le rocce candide riflettono la luce solare per questo bel fiore che compie il suo ciclo vitale in luglio e agosto.

Si potranno ammirare e fotografare a piacimento, ma non cogliere! Molte sono specie minacciate e protette, e in ogni caso “il mazzolin di fiori che vien dalla montagna” una volta a valle sarà appassito!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

passeggiata primaverile nel Montefeltro

Una piacevole passeggiata nel cuore del Montefeltro, regione poco popolata fra Romagna, Marche e Toscana, aspra e montuosa, fra calanchi e pareti verticali, ricca di boschi, borghi, rocche e castelli, nel Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello.

Il Montefeltro ha una storia geologica interessante, altrettanto interessanti sono la sua preistoria e storia: fu frequentato da genti italiche, poi dagli Etruschi e dai Romani. Nel medioevo i feudatari se ne contesero le terre e costruirono sulle sue alture castelli e fortificazioni.

Castello dei conti Oliva a Piandimeleto (PU)

Molto interessante è stata per noi la passeggiata  al Sasso di Simone spettacolare tacco originatosi dall’erosione dei terreni circostanti composti di arenarie e marne. Il percorso di circa un’ora e mezza attraversa il bosco di cerri, aceri, faggi e frassini che cominciano ad ingrossare le loro gemme. Nel sottobosco bellissime sono le fioriure dei biancospini, dei pruni, delle primole e degli anemoni.

Lungo il sentiero numerosi cartelli illustrano la geologia, la flora, la fauna della zona. Particolarmente interessanti e spettacolari sono le ripide pareti marnoso-arenacee scavate dal torrente Seminico che mostrano la tormentata storia geologica degli ultimi milioni di anni: il fondo marino subì contorsioni, piegature e pressioni enormi durante i processi di formazione dell’Appennino.

Finalmente usciti dal bosco si arriva a vedere la sagoma del Sasso Simone, un tacco calcareo dalle pareti scoscese.

Attraverso prati e pascoli si arriva alla base del Sasso, un sentiero lastricato porta alla sommità dove si estende un vasto pianoro.

Da qui il panorama è bellissimo, a 360°, sul vicino monte Carpegna, i  più distanti rilievi dell’Appennino Tosco-Romagnolo e le colline marchigiane fino al mare. Vicino è il Sasso Simoncello, ancora più inaccessibile.

Esplorando il pianoro del Sasso Simone si scoprono i resti di quello che fu un esperimento di fondazione di una città ideale: nel 1566 Cosimo I de’Medici pose le prime pietre della Città del Sole, che secondo la filosofia neoplatonica rappresentava il principio dell’ordine e della ragione. Il progetto prevedeva l’insediamento di una guarnigione militare e di civili. L’esperimento fallì soprattutto a causa di un inverno molto rigido che rese difficoltosa la vita a quella quota. Rimangono pochi resti di pietre a testimonianza di questo antico tentativo umano.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

la Riserva del Monte Orlando a Gaeta

Il Monte Orlando è un promontorio roccioso che domina la città di Gaeta e la divide a metà. Immerso nella macchia mediterranea è diventato parte del Parco della Riviera d’Ulisse, che già dal nome suggerisce una storia antichissima che affonda le sue radici nella leggenda.

È una bellissima passeggiata piacevole in ogni stagione, anche in inverno perché il clima resta mite e la vegetazione mediterranea conserva il suo verde. In estate poi il bosco di lecci che copre gran parte della sua superficie insieme a pini e roverelle offre refrigerio e tranquillità dopo la vita di spiaggia.

Il promontorio termina con una impressionante falesia a picco sul mare, che da decenni è diventata palestra di roccia attrezzata dal Club Alpino Italiano.

gaeta-

Sulla falesia crescono aggrappati alle rocce e affacciati sullo strapiombo pini d’Aleppo, palme nane e malvoni delle rupi.

gaeta

Impressionante è anche la cosiddetta Montagna Spaccata, una stretta e profonda fenditura nella roccia nelle vicinanze della quale sorse il Santuario della Santissima Trinità,

gaeta

e la Grotta del Turco che si apre direttamente sul mare e alla quale si accede attraverso una scala scavata nella roccia.

gaeta

Le rocce calcaree che formano il promontorio si sono formate nel Cretacico, in un ambiente di mare caldo e poco profondo, la piattaforma sottomarina si è poi sollevata emergendo durante il processo di formazione dell’Appennino.

I gusci calcarei degli organismi che la popolavano si sono fossilizzati e molti di questi fossili sono ben riconoscibili come queste rudiste, molluschi che vissero fra i 150 e i 65 milioni di anni fa e la cui presenza nelle rocce contribuisce a determinarne l’ antichità.

gaeta

Il comodo sentiero nel bosco e nella macchia profumata di allori, viburni, lentischi e mirti, si affaccia spesso sulle falesie a picco sul mare, all’orizzonte si possono vedere le Isole Ponziane. Da alcuni punti si vede invece la città di Gaeta e il suo golfo che il Monte Orlando taglia in due, con la bella spiaggia di Serapo da un lato

gaeta

e il porto e la città medioevale dall’altro.

gaeta

Gaeta ha una storia millenaria, l’ampio golfo fu scalo degli antichi navigatori come ci cantano Omero nell’Odissea e Virgilio nell’Eneide (secondo Virgilio il nome della città risalirebbe a Caieta, nutrice di Enea che qui fu sepolta). In epoca romana fu porto e la bellezza della costa indusse molti ricchi romani e gli stessi imperatori a farvi costruire splendide ville.

Sulla cima del promontorio sorge il Mausoleo di Lucio Munazio Planco che fu uno dei più noti generali di Cesare, fondatore delle città di Lugdunum (Lione) e Augusta Raurica (Augst) presso Basilea.

gaeta

Durante la passeggiata si incontrano testimonianze della storia più recente della città che fu porto strategico del Regno dei Borbone: bastioni, piazzole di sparo e polveriere utilizzate fino alla seconda guerra mondiale e ora trasformate in musei. Gli orari di apertura si possono trovare sul sito dei Parchi del Lazio.

gaeta

I sentieri sono ben segnalati, con indicazioni e pannelli informativi. Sono percorribili anche in mountain bike o a cavallo. In estate è possibile anche aggiungere itinerari subacquei negli splendidi fondali profondi fino a 40 metri.

il Soratte, da montagna sacra a bunker antiatomico

Vides ut alta stet nive candidum Soracte” (Orazio, Odi, libro I, 9)

 “Vedi come il Soratte si erge candido per l’alta neve

m. Cosce

Il monte Soratte è ben visibile dalla periferia nord di Roma perché emerge come un’isola in mezzo alla Campagna Romana. E un’isola fu effettivamente nel lontanissimo passato geologico milioni di anni fa, durante il Pliocene, quando il mare arrivava a lambire quelli che sono ora i Monti Sabini. Non è particolarmente alto, non arriva a 700 metri, ma domina massiccio la pianura intorno ed è visibile da lontano.

m-soratte

Il suo nome si fa risalire al dio Sorano, venerato dalle popolazioni preromane che abitavano la zona, i Sabini, i Falisci e gli Etruschi. I sacerdoti di questo antichissimo dio erano gli Hirpi Sorani, i lupi di Sorano, su questo monte celebravano i loro oscuri riti, fra cui, come riportano gli antichi scrittori latini, quello di camminare a piedi nudi sulle braci ardenti portando come offerta per il dio le interiora degli animali uccisi in sacrificio.

I Romani, una volta diventati i dominatori, vi veneravano il dio Sorano-Apollo e in epoca cristiana fu frequentato da eremiti fra i quali, si dice, anche San Silvestro che divenne poi papa Silvestro I; vi si rifugiò fuggendo dalle persecuzioni dell’imperatore Costantino. In suo onore sulla sommità del monte fu eretta la chiesetta di San Silvestro, sul luogo del tempio di Apollo.

I resti di vari insediamenti religiosi sono ancora rintracciabili anche se in abbandono, fra questi la piccola chiesa rupestre di Santa Romana, sulle pendici del monte in mezzo al bosco conserva ancora una piccola vasca dentro la quale gocciola l’acqua di stillicidio della roccia sovrastante. Fino a pochi decenni fa le donne della zona che avevano partorito la bevevano per favorire la lattazione.

s-romana

Santa Romana

La montagna, di origine calcarea, è incisa da innumerevoli cavità, alcune di queste grotte, chiamate localmente i Meri furono descritte da Varrone che parla dei vapori mortiferi che emanano. In realtà non c’è nessun vapore mortifero esalato dai Meri, solo normale condensa di vapor acqueo, tanto che sono frequentati regolarmente dagli speleologi romani.

monte Soratte (RM), grotta della madonnina

Sulle pendici del monte si adagia il paese di Sant’Oreste, di origine molto antica, in una bellissima posizione dominante la sottostante valle del Tevere.

Sant'Orèste (Rm)

Poco distante dal paese a partire dal 1936, nei fianchi della montagna furono scavate una serie di gallerie come rifugio del comando supremo dell’esercito e del il Governo in caso di guerra.

Le alte gerarchie italiane non vi si rifugiarono mai: arrivò l’armistizio dell’8 settembre 1943, cui seguì la vergognosa fuga del re con i vertici dell’esercito e l’occupazione di Roma da parte dell’esercito tedesco.

Il comando supremo tedesco vi stabilì il suo quartier generale per contrastare l’avanzata dell’esercito degli Alleati . All’interno delle gallerie furono piazzati pezzi d’artiglieria il cui tiro poteva raggiungere la sottostante via Flaminia, importante arteria di comunicazione con il nord Italia.

monte-soratte-

Nel maggio del 1944 il complesso subì un pesantissimo bombardamento da parte degli aerei alleati e ne fu danneggiato. Dopo la liberazione di Roma da parte dell’esercito alleato, avvenuta pochi giorni dopo, il generale Kesselring diede l’ordine di abbandonare l’area dopo averla minata. I tedeschi risalirono verso nord seminando morte e terrore per i saccheggi e le rappresaglie.

Durante gli anni della guerra fredda parte delle stesse gallerie furono riconvertite per ospitare un bunker destinato a ospitare i membri del Governo italiano in caso di attacco atomico.

Oggi sono proprietà del comune di Sant’Oreste e sono parzialmente visitabili grazie all’operato di una associazione di volontari. Per informazioni e prenotazioni si può consultare il loro sito.

 

 

 

la via Amerina

via Amerina

La via Amerina in epoca romana e medioevale collegava Roma con importanti città umbre, ma la sua storia è in realtà molto più antica, legata, anche nel nome, alla città di Ameria (l’odierna Amelia, in provincia di Terni) che fu uno di più antichi centri italici, di centinaia di anni più antico di Roma, ancora oggi circondata dalle imponenti e suggestive mura megalitiche che ne sono uno dei monumenti di maggiore interesse.

Amelia

La via attraversava il territorio degli Umbri e dei Falisci e molti centri etruschi come Veio, Corchiano (forse l’antica Fescennia), Gallese, Orte (Hortae) e Nepi (l’antica Nepet), fra gli altri centri importanti  Civita Castellana, l’antica Falerii capoluogo dei Falisci.

via Amerina

I Romani la aprirono nel 241 a. C. sfruttando e ampliando il precedente tracciato, a nord di Ameria riprese altri antichi collegamenti che si dirigevano verso la media e l’alta valle del Tevere lungo il confine con il territorio etrusco toccando centri come Todi (Tuder), Bettona (Vettona) e Perusia, poi verso l’Adriatico attraverso il territorio degli Umbri.

Alcuni tratti dell’antico tracciato sono stati recuperati e si possono percorrere a piedi o in bicicletta in un territorio di pianure e colline che fu modellato dai vulcani dei distretti sabatino e cimino-vicano. Vi si incontrano campi coltivati, pascoli, boschi, forre scavate dai corsi d’acqua e pianori di tufo.

oasi di Pian sant'Angelo

la selvaggia Val Grande

Il Parco Nazionale della Val Grande è uno dei più selvaggi d’Italia, nonostante sia a meno di 100 chilometri da Milano e si affacci sul popolatissimo lago Maggiore.

Val Grande

I motivi sono da ricercare nella natura del territorio impervio fatto di montagne aspre e rocciose e dagli eventi storici che ne hanno determinato lo spopolamento.

Nel giugno del 1944 un’azione di rastrellamento da parte di nazisti e fascisti cercò di annientare le formazioni partigiane della vicina Val d’Ossola. Il rastrellamento effettuato con un imponente dispiegamento di uomini e mezzi e l’appoggio di aerei e blindati, provocò 300 morti fra i partigiani; molte furono le vittime anche fra gli abitanti della valle cui vennero anche bombardate e incendiate le baite e le stalle, unici mezzi di sostentamento. Questo evento rimane impresso nella memoria collettiva degli abitanti della valle come uno dei più tragici della Resistenza, in cui i nazisti e i fascisti si abbandonarono a  atti di estrema ferocia.

Molti sentieri sono dedicati a questi partigiani e pannelli informativi ne ricordano le gesta e il coraggio. Altri pannelli lungo i sentieri raccontano invece la dura fatica quotidiana dei valligiani per sopravvivere in quei territori impervi: la costruzione di muretti a secco  per ricavare terrazze coltivabili a segale e castagno,

Val Grande

 le numerose baite ormai diroccate che si incontrano negli alpeggi.

Val Grande

L’accesso che penetra più in profondità nel cuore del parco è la stretta strada per Cicogna piccolo borgo costruito in pietra, un tempo contava centinaia di abitanti, oggi ne rimangono alcune decine. Alcune coppie giovani gestiscono un bed & breakfast, un piccolo bar ristorante e un agriturismo. Molte case sono state restaurate e soprattutto in estate il borgo si ripopola.

Val Grande

Lungo i sentieri del parco ben attrezzati e segnalati è possibile fare molte escursioni di diversa lunghezza e difficoltà, spesso sulle antiche mulattiere

Val Grande

e lungo i torrenti

Val Grande

I ripidi pendii sono molto boscosi: fino a 800 metri predominano i castagneti, oltre è il regno dei faggi e delle betulle. In primavera e estate numerosissime fioriture riempiono di colori i vecchi pascoli. In estate maturano fragoline e mirtilli.

L’area del massiccio montuoso del Pedum è Riserva naturale integrale, istituita nel 1967, la prima delle Alpi italiane. Il Parco fu invece ufficialmente istituito nel 1992 e successivamente ampliato nel 1998.

Un altro aspetto interessante del Parco è quello archeologico: incisioni rupestri risalenti al Paleolitico testimoniano come questa valle e quelle contigue fossero frequentate dagli esseri umani fin da tempi antichissimi per la transumanza del bestiame.

semi di faggio profumati

Durante le nostre escursioni sulle Alpi mi hanno attirato queste strane stelline legnose a quattro punte. Sono gli involucri dei semi di faggio che caduti dalla pianta si aprono per liberarli.

semi di faggio 001

Mi hanno fatto pensare al pot-pourri che si trova in vendita per profumare cassetti, stanze e armadi. Ho voluto provare a farlo anche io.

Lo scorso anno avevo fatto una tintura di lavanda mettendo in infusione nell’alcol i fiori di lavanda (20 g di fiori per 100 ml di alcol a 30° lasciati in infusione per 8 giorni e poi filtrati).

In questo alcol profumato ho messo gli involucri legnosi, in un vaso di vetro chiuso e li ho lasciati per 2 giorni in infusione. In questo modo si sono imbevuti di liquido profumato. Li ho quindi lasciati ad asciugare e sono pronti così, in un cestino profumeranno un ambiente o un armadio, se introdotti in sacchetti di stoffa o di tulle profumeranno i cassetti e terranno lontani gli insetti.

In alternativa alla tintura di lavanda di possono usare gocce di olio essenziale di lavanda o un’altra essenza profumata, il profumo sarà più persistente.

inizio di primavera sui Monti Sabini

La Sabina è una regione sconosciuta ai più, pur essendo vicinissima a Roma. I romani la conoscono e ne fanno la meta per passeggiate nel verde, scampagnate e di gite alla ricerca di buon olio.

I monti calcarei raggiungono altezze di poco superiori ai mille metri, ma la loro conformazione tormentata testimonia le immense forze geologiche che hanno portato alla formazione dell’Appennino. Fra le pieghe degli strati calcarei contorti si trovano eremi medioevali.

Eremo di San Cataldo, Cottanello (Ri)

Eremo di San Cataldo, Cottanello (Ri)

Sui poggi continuano a vivere, nonostante lo spopolamento, paesi millenari di impianto medioevale, ma la cui storia risale a volte a tempi anteriori a Roma, quando furono insediamenti di quei fieri sabini con cui i romani si scontrarono più volte e a cui si legarono strettamente rubandone le donne e dando origine a una stirpe mista.

Cottanello (Ri)

Cottanello (Ri)

Camminando su questi monti all’inizio della primavera ci si trova in boschi cedui di roverelle che ancora non hanno messo le foglie, in montagna c’è ancora il rischio di gelate, più in quota cominciano i faggi. Solo i ginepri hanno conservato le loro foglie per tutto l’inverno, coriacee e sottili come aghi, resistenti al gelo, alla neve e ai morsi degli animali.

Monte Macchia Porrara

Ma nel sottobosco sono già fiorite le primule, le violette e le scille, mentre i crochi hanno costellato i prati sommitali.

Monte Macchia Porrara 016 (7)

Monte Macchia Porrara 016 (3)

Monte Macchia Porrara 016 (6)

Monte Macchia Porrara

Le vacche al pascolo imperturbabili si godono la giornata tiepida.

Monte Macchia Porrara 016 (8)

Ancona e il Parco del Conero

Il Monte Conero, nel suo semplice e grande lineamento, appariva appena rosato con non so quale interior luccichio di oro, quasi un tesoro nascosto da un velario”. Gabriele D’Annunzio.

Parco del Conero

Il Parco Regionale del Conero è uno splendido parco naturale in  gran parte costiero, con spettacolari falesie a strapiombo sul mare alte in certi punti anche centinaia di metri.
A pochi chilometri dal centro di Ancona permette di fare passeggiate piacevoli in ogni stagione circondati dalle essenze della macchia mediterranea e con frequenti scorci mozzafiato sul mare.

Parco del Conero

Il Conero è l’unico promontorio roccioso della costa adriatica da Trieste al Gargano, alto 572 metri è l’elemento centrale del Parco che include anche le colline interne coltivate, si estende oltre che nel territorio di Ancona anche in quello dei comuni di Camerano, Numana, Sirolo.

Molti sono i sentieri per esplorare il parco, in parte segnalati, alcuni giungono fino al mare altri sono immersi nel bosco e nella macchia. Occorre verificare presso il Centro Visite del parco la percorribilità di alcuni sentieri soprattutto costieri a causa dei possibili tratti franati.

Parco del Conero

Vi crescono euforbie, ginepri, lentischi, ginestre, pini, lecci e roverelle e i corbezzoli dal cui nome greco, kòmaros deriva forse il nome di Cònero.

Ancona 034

Centinaia di specie diverse di uccelli frequentano i suoi ambienti nelle varie stagioni, fra cui il falco pellegrino, simbolo del Parco. È importantissimo come luogo di sosta durante le migrazioni per le possibilità di rifugio che offrono i suoi differenti ambienti e forse anche perché il promontorio è un importante punto di riferimento visivo. Anche i due laghetti costieri presso Portonovo sono frequentati da anatre e gallinelle d’acqua.

Incisioni rupestri risalenti al Paleolitico si trovano su un lastrone calcareo vicino alla cima del monte, altre testimonianze risalgono a diverse età della preistoria. Fu frequentata del popolo dei piceni di stirpe sabina e dai greci di stirpe dorica, che fondarono Ancòn (gomito), la attuale Ancona, nel IV secolo a.C.

Nel medioevo nelle grotte naturali del Conero  si insediarono eremiti, in seguito i benedettini vi fondarono monasteri e chiese, un esempio è l’abbazia romanica di San Pietro sulla sommità del promontorio.

Ancona 046

Per informazioni si può consultare il sito http://www.parcodelconero.org/

l’oasi WWF di Pian Sant’Angelo

L’oasi del WWF di Pian Sant’Angelo si trova nel viterbese, nel territorio dei paesi di Corchiano e Gallese, a circa un’ora di automobile da Roma. Una passeggiata piacevole e interessante anche in inverno, fra oliveti, campi coltivati, boschi di roverelle e resti archeologici.

oasi di Pian sant'Angelo (10)

Il territorio dell’oasi è costituito da terreni di proprietà privata della famiglia Pratesi in parte coltivati con i criteri dell’agricoltura biologica, una parte è però riservata alla conservazione degli habitat naturali e all’incremento della biodiversità con interventi come la piantagione di siepi di piante locali e la conservazione di zone a bosco.

Si attraversano oliveti e campi coltivati in cui rimangono enormi roverelle isolate

oasi di Pian sant'Angelo (16)

poi la vecchia ferrovia abbandonata Orte-Civitavecchia, invasa dai rovi,

oasi di Pian sant'Angelo (4)

si entra in un bosco un tempo sfruttato per la legna, ora lasciato crescere liberamente,

oasi di Pian sant'Angelo (23)

quindi in un boschetto di eriche arboree.
Proseguendo si scende nella forra scavata dal fiume nei tufi vulcanici, bellissime sono le felci che crescono in questo ambiente umido e ombroso, appartenenti a molte specie diverse.

oasi di Pian sant'Angelo (58)
Le forre sono un importante ambiente rifugio per la fauna perché forniscono corsi d’acqua e nicchie che servono da riparo. Nella zona vi sono molte specie di mammiferi: istrici, ghiri, donnole, martore, puzzole, gatti selvatici, volpi oltre ai cinghiali che la frequentano in branchi e che lasciano molte tracce di sé. Molte sono le specie di rettili e anfibi, nei corsi d’acqua si trovano anche i gamberi di fiume divenuti ormai rari. Moltissime sono anche le specie di uccelli che frequentano il territorio nelle varie stagioni, fra cui molti rapaci e i rari colombacci presenti qui in numero considerevole.
La zona in epoca preromana era abitatata dal popolo dei Falisci che avendo come vicini di casa gli Etruschi ne avevano assorbito in parte i culti funerari; nel percorso della visita ci sono infatti importanti resti di tombe a camera scavate nel tufo, fra cui quella imponente chiamata “Tomba del Capo” con un lungo dromos di accesso e colonne scolpite.

oasi di Pian sant'Angelo (77)
Molto interessante è anche l’imponente acquedotto falisco di Ponte del Ponte, notevole opera di ingegneria idraulica del IV-III sec. a. C. che consiste in una alta muraglia di grossi blocchi di tufo costruita per superare il fiume. Per consentire il deflusso delle acque del fiume fu scavato accanto un cunicolo attraverso il quale le acque defluiscono ancora oggi.

oasi di Pian sant'Angelo (66)

La visita all’oasi si fa necessariamente su prenotazione con una guida che fornisce molte informazioni sulle piante, gli animali i resti archeologici del territorio. Per avere informazioni o prenotare: http://www.wwf.it/oasi/lazio/pian_sant_angelo/

Voci precedenti più vecchie

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, gigantizzazioni, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa