tante calze da appendere

Sta per arrivare la Befana! Ogni bimbo deve avere la sua calza da appendere in modo che la vecchina la possa riempire e perché non faccia confusione è bene che le calze siano personalizzate.

Possono essere calze cucite da scampoli di stoffa o vecchie calze di lana molto rammendate che a fine carriera si godono una meritata pensione lavorando solo una notte all’anno. Anche queste però saranno debitamente personalizzate!

Buona Befana!

decori natalizi con materiale riciclato

Santa Lucia, la giornata più corta che ci sia, recita il proverbio. Ci avviciniamo al solstizio d’inverno e al Natale. Giornate corte che portano a lavorare volentieri con le mani e a realizzare addobbi scintillanti e a colori vivaci, adatti a propiziare l’aumento delle ore di luce come facevano i nostri antenati. Tanto meglio poi se questi addobbi sono realizzati con materiali di recupero.

Per questi decori rossi ho utilizzato anelli da tenda, poco filo rosso, pochissimo filo argentato, pendagli e pendaglietti di orecchini spaiati o sorprese dell’uovo di Pasqua mai utilizzate. Ho lavorato intorno a un anello per tenda un giro a maglia bassa in modo da coprirlo tutto e un secondo giro ad archetti (1 m. bassa, 2 catenelle, saltare 1 maglia), in alternativa ho fatto un giro a m. bassa con il filo argentato. Senza dimenticare l’asola per appenderli.

Con una vecchia cravatta, 2 perline e del filo ho realizzato la campanella. Basta tagliare la parte più stretta della cravatta a circa 10 cm dall’estremità, ripiegare in dentro la parte tagliata e fissarla con punti invisibili, poi infilare le perle in un filo da collane, fare un nodo ad un capo, infilarlo nella collana e fare un’asola all’altra estremità. Stringere la campanella con del filo argentato in modo da bloccare il filo all’interno.

Con ritagli di stoffe è fatto il presepe riciclato, seta per la Madonna e i Re Magi, vecchie giacche per San Giuseppe, i pastori, l’asino e il bue, un asciugamano di spugna e una ghianda per la pecorella. Il filo si ferro dà loro il sostegno e un quadrato di cartone la base.

presepe di Diana

coperte fatte a mano

Comincia a far freddo, le coperte fanno piacere, ancora di più se si fanno a mano: a maglia, all’uncinetto o ancora meglio riciclando i ritagli di stoffa come in questa trapunta

IMG_0041

o i vecchi maglioni come in questo plaid.

Per riciclare gli avanzi di lana invece si può fare un plaid con i quadrati della nonna,

lavorivari 013 - Copia

in questo caso sono degli esagoni!

plaid

Un paesaggio marino di lana a crochet con tanti animaletti colorati terrà caldi i più piccoli. Le spiegazioni sono in questo post.

Questo plaid è invece realizzato a punto Tunisi, con i ricami a punto croce,

plaid tunisi (2)

pronte per l’asilo!

Manca poco al ritorno all’asilo o al primo ingresso al nido per chi è appena arrivata! Qui ci sono alcuni lavori che ho fatto durante l’estate per loro: bavaglini, asciugamani con il nome a punto a croce o all’uncinetto,

tovagliette,

sacchette personalizzate per cominciare in allegria!

I nomi sono ricamati a punto a croce, nell’asciugamano blu per ogni lettera ho fatto delle catenelle a uncinetto che ho poi cucito sull’asciugamano. Nella tovaglietta rosa invece il nome l’ho scritto a filet.

In un prossimo post metterò le spiegazioni per fare quest’ultima tovaglietta a uncinetto.

tante borse fai da te

Tante e tante sono le borse che ho fatto negli anni, a crochet, ricamate, cucite, ricavate da vecchie maglie, da scampoli di stoffa. Eccone alcune con i link che rimandano alle spiegazioni.

Le borse a crochet:

Le borse ottenute da riciclo: di un vecchio maglione,

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è borsalanacotta-vale.jpg

di cravatte,

Di vecchi jeans,

Da magliette

borsa azzurra2 002

Ricamate

borsa germano

riciclare fino all’ultimo avanzo di filo

002

Questa era la vecchia blusa che nessuno si metteva più, il cotone era di un bel colore e allora perché buttarla? Così è cominciato il riciclo che è durato a lungo!

Ho sfilato il lavoro per tutta la parte più larga delle maniche. Ho ripreso le maglie con i ferri ed le ho intrecciate per tutto il dietro e i lati, continuando a lavorare a legaccio solo sul davanti per 10 cm (per fare il fondo della borsa). Quindi ho intrecciato anche queste maglie. Ora la parte superiore è diventata il fondo della borsa e la parte inferiore è l’apertura.

borse 001

Ho cucito il fondo e lavorato un manico a m. bassa all’uncinetto utilizzando il cotone avanzato. Ho cucito una fodera per la borsa, lavorato un’asola all’uncinetto ed applicato il bottone.

borsa azzurra2 002

Ecco una capiente borsa estiva da usarsi per la spiaggia!

Il cotone sfilato però era tanto, cotone grosso, che farci? Un tappetino per il bagno ci verrebbe e anche il colore è appropriato.

Ecco allora il tappetino lavorato all’uncinetto!

Ho utilizzato 100 g di cotone ed un uncinetto n. 6.

Ho avviato 22 catenelle, ho lavorato a m. alta cominciando dalla terza catenella, sull’ultima catenella ho lavorato 3 m. alte, poi ho continuato a lavorare a m. alta sull’altro lato della catenella, sull’ultima maglia ho lavorato 3 m. alte.

Ho continuato a lavorare a m. alta a spirale formando un ovale. Gli aumenti si fanno solo ai 2 estremi: 3 aumenti per i primi giri, poi ne basteranno 2. Bisogna regolarsi con gli aumenti in modo che non tiri e non si arricci, non tutti i filati sono uguali e varia anche il modo di lavorare di ognuno. Anche per la grandezza ci si regolerà secondo la propria necessità e il filo a disposizione!

Ma non era ancora finito il filo! Ormai ne avevo solo un piccolo gomitolo, dovevo trovare un utilizzo anche per quello! Ecco allora la pallina morbida e luccicante per l’albero di Natale lavorando insieme un sottile filo argentato e imbottenfola con ovatta sintetica.

Ora il filo è veramente finito!

regali di Natale fatti a mano

In questo Natale particolare in cui è meglio non girare troppo per negozi e in cui vedremo pochissime persone, possiamo però dedicarci a recuperare la nostra manualità e fare a mano piccoli regali per le persone più care. Saranno sicuramente graditi e saranno fonte di soddisfazione per chi li fa.

Ho raccolto un po’ di idee di piccoli oggetti, sciarpe, guanti, cappelli, giocattoli che ho fatto negli anni. Cliccando sul link si possono trovare le spiegazioni.

I portatovaglioli sono semplicissimi e rapidi da fare e si possono utilizzare avanzi di filo. La spiegazione è qui.

Gli asciugamani ricamati fanno piacere a una donna romantica

Un cappello caldo è rapido da fare e gradito da chi lo riceve. La spiegazione per farlo è qui.

Ancora meglio se è abbinato a una sciarpa morbida. Qui le spiegazioni per la sciarpa.

Gli scaldapolsi si fanno in poco tempo. la mia spiegazione è qui.

Chi preferisce lavorare ai ferri può fare questi.

mezzi-guanti-ai-ferri-

Gli astucci per smartphone possono farsi con ritagli di jeans o vecchie cravatte.

Un papavero a crochet può rallegrare un normale strofinaccio da cucina o una presina. Qui le spiegazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è strofinaccio-con-papavero-a-crochet.jpg

I sacchetti per la lavanda sono profumati e rapidi da fare.

Un astuccio a forma di gatto è simpatico e facile da fare. Qui le spiegazioni.

Per un neonato si può fare a crochet una palla Montessori. Qui le spiegazioni, sono in inglese, ma le foto rendono chiaro il lavoro da fare.

Un poncho colorato terrà caldo e il bimbo. La spiegazione è qui.

Lo zainetto con la Pimpa sarà gradito ai più piccoli. Qui le spiegazioni.

Le scarpette bianche e rosse sono un regalo per festeggiare il primo Natale. La spiegazione è qui.

Per il primo Natale va bene anche il bavaglino ricamato.

Qualcosa di dolce è sempre gradito, soprattutto se fatto in casa, qui ci sono un po’ di idee con la ricetta.

Per la tavola di Natale, anche se i commensali saranno pochi, un salvagocce a crochet che si fa in pochissimo tempo. Le mie spiegazioni sono qui.

E per finire il pupazzo di neve sorridente si può appendere all’albero.

ricamare alberi

Progettare, ricamate, lavorare all’uncinetto alberi è un’attività che mi piace molto, è rilassante e il risultato che ottengo è gradevole. Qui una serie di lavori che hanno gli alberi come protagonisti. Il primo l’ho lavorato a punto a croce su tela che poi ho cucito su un cuscino già pronto.

Per il pannello con l’albero fiorito ho ricavato il tronco e i rami da vecchi jeans ed ho lavorato all’uncinetto fiori, foglie, farfalle e uccellino. Le spiegazioni per le applicazioni le ho scritte qui.

Per questo pannello con gli animaletti colorati invece l’albero è fatto tutto a crochet.

Infine l’alberello di Natale per accompagnare un pacchetto.

cosa fare con le vecchie cravatte

Anche se le cravatte sono poco usate in casa mia, o forse proprio per quello, ne ho avute a disposizione sempre una discreta quantità, in bei colori vivaci e tessuti delicati come la seta. Mi sono sempre chiesta come riciclarle e questi sono alcuni dei lavori che ho fatto con esse. Cliccando sopra alcune foto si apre l’articolo con le spiegazioni.

Collane

portacellulare

borse

sacchetti per lavanda

 

e perfino i vestiti per i personaggi di un presepe fatto a mano

 

 

 

il vestitino a crochet e tessuto

Il vestitino dello scorso anno ormai è troppo piccolo. Approfittando della reclusione forzata ne ho lavorato un altro, con qualche difficoltà nel reperire la stoffa. La taglia è 2 anni e mezzo.

Occorrente: filo di cotone n. 8, uncinetto n.1,5, poco filo in un secondo colore per la farfallina, un rettangolo di stoffa di cotone largo 110 cm e lungo 40 cm, 4 bottoncini.

Corpino a crochet

Avviare 197 catenelle e lavorare:

1° riga: 195 maglie alte (57 cm).

2° riga: a m. alta.

3° giro: a m. alta filet: 3 cat., *saltare 1 m., 1 m. alta. Ripetere da * fino alla fine del giro.

Continuare ad alternare 2 righe a m. alta e 1 a m. alta filet per 11 righe complessive.

Cominciare a separare il lavoro per lo scalfo manica: lavorare le prime 41 m. (mezzo dietro), poi tornare indietro mantenendo l’alternanza di 2 righe a m. alta e 1 a m. alta filet e facendo dal lato scalfo: 1° riga 3 diminuzioni, 2°-4° riga: 2 diminuzioni, 5° riga: 1 diminuzione.

Continuare per 17 righe dall’inizio dello scalfo.

Per lo scollo non lavorare 10 m. lato scollo, alla riga successiva diminuire 2 m. Tagliare il filo e affrancare.

Fare lo stesso lavoro per l’altra metà dietro.

Davanti: riprendere le 71 m. centrali e lavorare alternando 2 righe di m. alta e 1 di filet. Dalla 2° alla 5° riga fare 2 diminuzioni alle estremità, poi continuare senza diminuire per 11 righe dall’inizio del davanti.

Iniziare lo scollo: lavorare le prime 22 m, poi tornare indietro facendo 1 diminuzione all’inizio. Fare 1 diminuzione anche per ognuno dei 2 giri successivi, lato scollo, poi continuare senza diminuzioni per altre 4 righe complessive dall’inizio dello scollo.

Chiudere e fare lo stesso lavoro dall’altro lato dello scollo.

Rifiniture: cucire le spalline. Intorno agli scalfi delle maniche e intorno allo scollo fare 1 giro a m. bassa e 1 giro ad archetti (4 catenelle, saltare 1 m., 1 mezza m. bassa).

Intorno al bordo di abbottonatura fare 1 riga a m. bassa e 1 riga m. bassa distribuendo 4 occhielli: 5 catenelle, saltare 2 m.

Cucire i bottoni, cucire la parte a uncinetto alla stoffa, fare un orlo al bordo inferiore della stoffa.

Lavorare una farfallina e cucirla al vestitino.

Voci precedenti più vecchie

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts - cucito creativo,scrapbooking,bomboniere

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale