l’antica via Latina

Porta Latina
Porta Latina

L’antica via Latina collegava Roma con Capua seguendo un tracciato preistorico che attraversava il Lazio meridionale interno e che era stato un percorso di importanza fondamentale per i collegamenti commerciali fra i diversi popoli italici. Fu utilizzata dagli Etruschi per colonizzare la Campania fra i secoli VIII e VI a. C.

I Romani la tracciarono definitivamente durante le guerre sannitiche, dopo aver sconfitto la Lega Latina che volevano così controllare. Costituiva un’alternativa alla via Appia da cui si diramava poco dopo il suo inizio. In epoca imperiale iniziava da Porta Latina, una delle numerose aperture nelle Mura Aureliane. A Casilinum (Capua) si congiungeva con l’Appia.

Ai lati della via furono costruiti edifici, botteghe e tombe monumentali, era inoltre costeggiata da ben sei acquedotti: l’Anio vetus, L’Anio novus, L’Aqua Marcia, Tepula, Claudia, Iulia.

Nel medioevo la via era ancora molto utilizzata; al III miglio nel V secolo il papa Leone Magno fece costruire la basilica di Santo Stefano protomartire che attirava molti pellegrini. Restò in uso fino al XIV secolo, poi fu sostituita nel primo tratto dalla Labicana e dalla via Tuscolana; il tratto successivo fu invece sostituito dalla Casilina.

Nel tardo medioevo era ormai un lembo di campagna romana, con le ampie distese verdi, i resti monumentali degli acquedotti, i casali sparsi, chiese, torri, mulini. Era attraversata dall’Acqua Mariana, un corso d’acqua proveniente dai Colli Albani, la cosiddetta “Marrana” o Marana. Ancora oggi il termine marrana a Roma viene usato per fossi e corsi d’acqua che ancora solcano le periferie.

Questo paesaggio si è conservato intatto fino al secondo dopoguerra quando l’espansione edilizia della città ha comportato la cementificazione di quello che era campagna e la distruzione dei resti archeologici presenti lungo l’antica via.

Il Parco Archeologico delle Tombe Latine rientra nel Parco regionale dell’Appia Antica e conserva una parte di questo patrimonio archeologico e paesaggistico. Nel 1879 il demanio acquisì una vasta area in cui le indagini archeologiche avevano portato alla luce numerose tombe e la basilica di Santo Stefano.

La grande area del parco è recintata e a ingresso libero, si entra in via Arco di Travertino e ci si trova sulla direttice dell’antica via della quale affiorano tratti del basolato.

Poco oltre l’ingresso diversi sepolcri fra cui il sepolcro Barberini del II secolo d. C., così chiamato dalla nobile famiglia proprietaria del terreno prima dell’acquisizione da parte dello Stato; in realtà luogo sepolcrale della famiglia dei Corneli

La struttura originaria a due piani, più uno interrato, si è conservata bene e si possono osservare le decorazioni architettoniche in cotto che un tempo erano dipinte a vivaci colori.

Un altro sepolcro notevole è quello cosiddetto dei Valeri che si incontra continuando lungo il basolato della via. Anche questo è del II secolo d. C. ma è stato ricostruito nell’ottocento utilizzando parti degli elementi architettonici della struttura antica.

Proseguendo ancora lungo la direttrice della via si incontrano i resti della basilica di Santo Stefano in cui continuano ancora i lavori di scavo.

Il complesso è molto gradevole, tranquillo ed evocativo di quello che doveva essere la campagna romana per tanti secoli ed ancora a fine ottocento. Per accedervi attualmente è necessario il green pass.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Gymnastics Creative

Ciao a tutti io sono Mariasole ho 12 anni sono un'homeschoolers, faccio ginnastica artistica da pochissimo tempo ma mi sono subito appasionata, oltre alla ginnastica artistica ho la passione di creare: lavoretti collane bracciali ecc. ecc. per questo il mio blog si chiama gymnastics creative (G.C.)

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

El Itagnol

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Gymnastics Creative

Ciao a tutti io sono Mariasole ho 12 anni sono un'homeschoolers, faccio ginnastica artistica da pochissimo tempo ma mi sono subito appasionata, oltre alla ginnastica artistica ho la passione di creare: lavoretti collane bracciali ecc. ecc. per questo il mio blog si chiama gymnastics creative (G.C.)

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts - cucito creativo,scrapbooking,bomboniere

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: