ponti nel cuore di Roma

Il fiume Tevere servì inizialmente come linea di confine fra popoli diversi, i romani sulla riva sinistra, sui famosi sette colli, i sabini e gli etruschi sull’altra riva; la necessità di comunicare e fare scambi con questi popoli indusse i romani all’epoca del re Anco Marzio, intorno all’anno 614 a.C., a realizzare un ponte fatto esclusivamente di travi di legno, il Ponte Sublicio, sublicae era il nome volsco delle travi, probabilmente dove già era presente un ponte costruito molto prima della nascita di Roma.

Quando i rapporti fra i romani e i popoli vicini si fecero tesi il ponte però poteva consentire al nemico di attraversare agevolmente i confini. La tradizione ci narra che Orazio Coclite lottò da solo contro l’esercito etrusco proprio sul ponte Sublicio mentre i compagni alle sue spalle lo distruggevano per impedire a Porsenna di riportare al potere Tarquinio il Superbo, il re etrusco scacciato.

L’antico ponte in legno fu distrutto più volte dalle piene del fiume, il Tevere è infatti sempre stato un fiume a regime torrentizio, soggetto a piene rovinose. Tacito parla di quella del 69 d.C., che distrusse il ponte e provocò morti e carestia. Fu ricostruito su pilastri di pietra e poi più volte restaurato. La struttura attuale del ponte risale al 1918, su progetto dell’architetto Piacentini.

Nei secoli successivi si rese necessaria la costruzione di un secondo ponte, poco distante dall’isola Tiberina, inizialmente fu costruito anch’esso in legno; nel 179 a.C. se ne affidò la sostituzione con un ponte in  pietra al censore Marco Emilio Lepido da cui il Ponte Emilio prese il nome.

Il ponte fu costruito obliquamente rispetto alla direzione della corrente, in un punto in cui il fiume fa una curva. A causa della pressione particolarmente forte dell’acqua delle piene fu più volte distrutto o fortemente danneggiato e ogni volta restaurato e ricostruito, sia al tempo degli imperatori romani che nel Medioevo quando prese il nome di Ponte di Santa Maria per la vicinanza con la chiesa di Santa Maria Egiziaca. La violenta alluvione del 1598 se ne portò via una metà; da allora non fu più ricostruito e rimase con la sua malinconica arcata superstite e la nuova desolata denominazione di Ponte Rotto.

Roma, il Ponte Rotto

Senza il Tevere e la sua isola Tiberina Roma non sarebbe sorta in quel punto, dove il fiume era  guadabile. Due ponti collegano l’isola alle sponde del fiume, il primo è il Ponte Fabricio fra l’isola e la riva sinistra.

roma 1 maggio 14 022

Ne curò la costruzione Lucius Fabricius curator viarum nel 62 a.C., come si può leggere ancora su un’iscrizione incisa sul travertino dell’arco. A Roma è conosciuto anche come Ponte dei Quattro Capi dalle erme di epoca romana inserite nella balaustra all’ingresso del ponte.

roma 1 maggio 14 012

Il secondo ponte è il Cestio che collega l’isola a Trastevere, fu fatto costruire da Lucio Cestio nel 46 a.C. Più volte ricostruito, l’odierno ponte fu inaugurato nel 1892.

Roma Ponte Cestio

In un mio post precedente ho parlato di ponti di Roma più periferici, uno altrettanto millenario, il Ponte Milvio ed uno modernissimo, il Ponte Armando Trovajoli.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. magalì
    Apr 08, 2016 @ 09:03:23

    quanto mi piace Roma? tanto troppo… pezzetti di cuore e tanti ricordi…. è davvero stupenda… e i ponti sono una delle meraviglie più belle!
    grazie anche di questa incantevole passeggiata… buona giornata

    Mi piace

    Rispondi

  2. (@agerrimo)
    Apr 08, 2016 @ 09:46:16

    E’ proprio vero che i ponti “uniscono” i popoli; ma poi quando i popoli si chiudono nei propri egoismi allora i ponti (anche quelli metaforici) sono la prima cosa che viene distrutta.

    Mi piace

    Rispondi

  3. giovanna
    Apr 08, 2016 @ 22:09:02

    Grazie per questo bel giro turistico!!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, I Balocchi del Tipo Strano, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: