#sensomieiviaggi. i profumi dei miei viaggi

Nuovo appuntamento con #sensomieiviaggi. Questa volta è Norma che nel suo blog Voglio il mondo a colori ha proposto questo tema intrigante e profumato! Chi volesse partecipare può scrivere un post con questo titolo e allegarne il link fra i commenti del blog di Norma entro il 5 di marzo.

Mi succede spesso, e penso succeda a tutti, che un odore mi richiami alla memoria un luogo ed una situazione in un tempo brevissimo, prima ancora che la coscienza faccia affiorare nomi ed altri particolari. Questo richiamo avviene in modo più immediato e potente che per i ricordi suscitati dalla vista o l’udito, sensi più legati alla nostra cultura, mentre l’odorato rimane più legato alla componente istintiva ed emozionale.

Gli odori hanno un ruolo importante anche nello stimolare il nostro appetito e nel farci percepire i sapori. È per questo che l’odore di alcuni cibi ci riporta in luoghi particolari visitati durante i nostri viaggi.

Ci sono odori che mi sono particolarmente graditi come quello della terra umida che mi riporta a camminare in un bosco d’autunno, fra le foglie secche che scricchiolano sotto i piedi ad ogni passo o l’odore delle alghe e della salsedine che mi riporta sulle coste bretoni. Quelli però che ho scelto per questo post sono odori per molti perfino  sgradevoli, ma per me sono quelli più potentemente evocativi di viaggi e situazioni in tempi ormai lontani. Anche le foto risalgono ad un lontano passato in cui non esisteva il digitale e per noi neanche il colore!

L’odore del fumo di carbone, ormai per fortuna raro da sentire nelle nostre città, mi fa rivivere immediatamente le atmosfere fredde e brumose della Praga di quasi quarant’anni fa, dove andai più volte a trovare il mio compagno che vi soggiornò con una borsa di studio.

praga

La città era splendida, ma grigia, non solo per lo smog. Dopo la “primavera di Praga” di Dubcek, che aveva avviato un processo di rinnovamento e liberalizzazione, nell’agosto del 1968 le truppe del Patto di Varsavia avevano invaso la Cecoslovacchia. I praghesi vivevano in un’atmosfera cupa, mal sopportando quella che di fatto era un’occupazione russa. Erano grigi i monumenti ed i palazzi, molti con le facciate sgretolate coperte da impalcature che rimanevano abbandonate per anni; erano cupi i cittadini, vessati nella loro vita quotidiana. Il loro sogno di avere maggior democrazia si era infranto pochi anni prima.

Quando tornammo con i nostri bambini negli anni novanta fummo stupiti dai cambiamenti, dal colore e dalla vivacità della città, ma io rimango fissata al ricordo e all’odore di quella Praga anni ’70, legata a momenti importanti della mia vita.

La seconda foto è quella della città di Maputo, in Mozambico, dove vivemmo due anni. La scattammo dalla finestra del nostro appartamento, all’undicesimo piano di uno di quei grattacieli costruiti dai portoghesi nel periodo coloniale. Lungo le grandi arterie prive di macchine le acacie e le jacarande davano pennellate di colori accesi. Da quella finestra ci arrivava il vento forte e caldo della zona subtropicale, che portava l’odore del mare che si intravedeva all’orizzonte. La città sorge infatti su una baia formata da cinque fiumi che sfociano nell’Oceano Indiano.

maputo (2)

Era un odore particolare che non assomigliava a quello delle nostre brezze marine, ma a volte mi capita di risentirlo anche in città, quando assume una certa intensità e porta profumi di terre lontane e per me anche ricordi di quello che fu un bel periodo della nostra vita.

La terza foto mi riporta l’odore della terra umida, del muschio e dell’argilla bagnata che mi fa ricordare le tante grotte esplorate in molti luoghi diversi d’Italia e d’Europa.

monte Soratte (RM), grotta della madonnina

Cosa c’è di bello nell’esplorare una grotta? La maggioranza delle persone le vedono come qualcosa di ostile o nel migliore dei casi non attraente. Eppure per chi ha il gusto dell’esplorazione le grotte sono luoghi in cui spesso non è arrivato nessun essere umano e che danno ancora, in un mondo in cui tutto è stato esplorato, il gusto della scoperta dell’ignoto.

Non pratico più la speleologia da decenni eppure quando durante un’escursione in montagna capitiamo vicino all’imboccatura di una grotta, sia essa una caverna o un pozzo che scende rapidamente in profondità e ne sento l’alito fresco e umido, mi ritorna l’eccitazione ed il desiderio di entrare per vedere oltre.

Annunci

12 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Norma Ricaldone
    Feb 27, 2015 @ 09:25:34

    Che bel viaggio nel tempo ci hai regalato.
    Mi è sembrato di essere lì con te in quella Praga vintage, cupa e grigia ma con un fascino che solo i ricordi possono dare e se la foto sbiadisce il profumo (odore) resta.
    Deve essere stato splendido alzarsi alla mattina, affacciarsi alla finestra e sentire l’odore del mare, mi ricorda un po’ la vista che c’era dall’appartamento di Barcellona, solo che là l’odore del salmastro non arrivava.
    E che dire dell’odore della terra, dell’umido di una profonda grotta, non ho mai visto “vere” grotte, mi piacerebbe moltissimo.
    Grazie di aver partecipato e condiviso i tuoi ricordi.
    ciao
    Norma

    Mi piace

    Rispondi

  2. antonella
    Feb 27, 2015 @ 20:06:18

    Ciao, complimenti, è un post bellissimo, mi piacciono tantissimo gli odori che hai scelto e ne hai data una descrizione tale che mentre leggevo mi pareva di sentirli. Splendida, anche se forse in un modo un po’ doloroso, la Praga degli anni ’70.
    Buona serata, a presto.
    Antonella

    Mi piace

    Rispondi

    • alesprint
      Feb 27, 2015 @ 20:36:37

      Ciao e grazie Antonella! Praga è sempre stata splendida ed i suoi abitanti un popolo civile e colto; noi siamo molto legati a questa città dove abbiamo stretto amicizie che sono durate nel tempo.

      Mi piace

      Rispondi

  3. Silvia
    Mar 03, 2015 @ 16:11:43

    Praga bellissima, ci sono stata circa 10 anni fa, in Africa, invece, sono andata soltanto 1 volta, sempre molti anni fa, in Tunisia, poi più niente, questo perchè amo l’Oriente e vado ogni anno, da 8 anni, sempre in Asia…l’umidità invece mi fa ricordare la zona dove abito a Roma, Ostia Antica, in aperta campagna…un abbraccio SILVIA

    Mi piace

    Rispondi

  4. Luna
    Mar 04, 2015 @ 07:44:16

    Mamma mia, sono rimasta incantata da tutte e tre le foto, gli odori. Mi sono soffermata sull’ultima foto, chiedendomi: è propri un essere umano quello che sta calandosi giù nellla grotta appeso a delle corde?! Deve essere un’emozione bellissima e non fatico a credere che l’odore della terra umida ti riaccenda ogni la voglia di tornare alla speleologia.
    Io avrei una paura folle, non potrei mai, ma ogni volta che sono stata a visitare delle grotte sono rimasta a bocca aperta per le emozioni, fortissime, che trasmettono, specie appena entrati, quando l’occhio non è ancora abituato e ha ancora il senso delle proporzioni, poi purtroppo lo perdi e una grotta immensa ti sembra “piccola”. Non oso immaginare come possa essere entrare per primi, in luoghi inesplorati e con mio marito ce lo chiediamo sempre: cosa avrà pensato la prima persona che ha messo piede qua dentro? che impressione meravigliosa o terrificante ne avrà avuto?
    MI sono rimaste impresse le grotte di Stiffe,di cui io ignoravo proprio l’esistenza, ma che mi hanno incantata anche dopo aver visto frasassi o postumia.
    Beh insomma, tutto questo per dire che le tue foto mi sono piaciute tantissimo, a cominciare da quella davvero affascinante della praga degli anni 70.
    Complimenti e grazie di queste belle emozioni.buona giornata!

    Mi piace

    Rispondi

    • alesprint
      Mar 04, 2015 @ 16:40:24

      Ciao Luna e grazie per le tue belle parole! E’ vero la speleologia è proprio un’attività affascinante in cui spesso entri in luoghi veramente inesplorati, come ne rimangono pochi sulla faccia della Terra. A proposito, l’essere umano che si cala è mia figlia!

      Mi piace

      Rispondi

  5. luna
    Mar 10, 2015 @ 19:48:58

    Caspita!!!! Allora è proprio una passione di famiglia: complimenti, che meraviglia deve essere condividerla!!

    Mi piace

    Rispondi

  6. federica
    Mar 12, 2015 @ 15:17:29

    che emozione poter raccontare quella Praga!

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

SempliceMente HomeMade

SempliceMente HomeMade

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

SempliceMente HomeMade

SempliceMente HomeMade

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, gigantizzazioni, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: