#sensomieiviaggi: i simboli dei miei viaggi

Tema difficile, ma stimolante quello proposto da Audrey nel blog Borderline per il #sensomieiviaggi di questo mese.

Gli esseri umani sono gli unici animali in grado di immaginare, di compiere astrazioni e raffigurarsi la realtà circostante in maniera simbolica. Il linguaggio in particolare ci ha distinto dagli altri primati, consentendoci un enorme passo avanti verso una forma di elaborazione mentale e comunicazione con i nostri simili. Solo gli esseri umani sono in grado di esprimere il proprio pensiero in maniera astratta e di elaborare miti, religioni, forme di arte.
Fra le tante possibili immagini che ho incontrato nei miei viaggi ho scelto gli alberi, entità altamente simboliche per gli esseri umani fin dalla preistoria.
Nella mitologia antica l’albero collega la terra al cielo, con le radici che scendono in profondità nel suolo ed i rami che si protendono verso il sole. Era considerato pilastro del mondo ed elemento di legame con gli antenati. Rappresentava inoltre la vita che rinasce ad ogni primavera dopo l’apparente morte invernale. Per  questo ho scelto come prima foto un maestoso faggio della Sila.

Calabria 030

Quando iniziò ad allevare alberi da frutto l’uomo creò con loro un nuovo rapporto ed un universo simbolico più ricco: ai significati precedenti si aggiunse quello della fecondità. La dolcezza, il profumo e la bellezza dei  frutti sollecitavano tutti i sensi e davano piacere e benessere. Il giardino di alberi da frutto recintato da un muro era detto peri daeza (muro intorno) dai Persiani, i greci derivarono la parola paràdeisos, il paradiso terrestre.

Ho scelto le foto di due alberi come particolarmente simbolici, per me e per tante generazioni che mi hanno preceduto: l’olivo e il melograno.

L’olivo è stato allevato dall’uomo da seimila anni ed è parte integrante del paesaggio mediterraneo, per gli antichi Greci era il simbolo stesso della civiltà, dono di Atena. È una colomba con un ramoscello d’olivo nel becco che annuncerà a Noè la fine del diluvio, un simbolo di pace e di patto rinnovato con la divinità dopo una terribile catastrofe ambientale. Per i Romani era sacro a Giove e Minerva ed ancora un simbolo di pace, Virgilio scrive nelle Georgiche “Fai crescere il pingue olivo caro alla Pace”.  Era sacro anche per le tre grandi religioni mediterranee.

calanco maggio 12 014

Albero bellissimo quando si guarda il mare di oliveti che con il vento cambiano continuamente di colore mostrando ora il verde scuro ora il verde argenteo delle foglie; albero possente quando si abbraccia il tronco nodoso di un esemplare centenario. Nodoso perchè dalla base del tronco si formano in continuazione polloni, che possono dare vita ad una nuova pianta se la parte aerea muore. Albero quasi eterno, esempio di solidità e di unione fra generazioni, perchè non è a misura di una sola vita umana. In un olivo secolare si ritrovano la fatica, l’amore per la terra, il sapere di chi ci ha preceduto, monito per noi a mantenerlo e custodirlo per chi ci seguirà.

Si incontra allevato in forme diverse in tutti i Paesi del Mediterraneo, attraversando la meseta spagnola per centinaia di chilometri si vedranno solo oliveti. I filari di olivi delle colline umbre e toscane sono fra i paesaggi più belli del mondo, raffigurati dai pittori del nostro Medioevo e Rinascimento. E poi gli enormi olivi calabresi e quelli delle fasce liguri costruite con il sudore della fronte da generazioni di contadini portando su per i ripidi pendii terra e sassi per i muretti a secco. Ed ancora gli olivi turchi, tunisini, marocchini densi di fronde. E quelli della Palestina che non riescono più ad essere simbolo di pace, ma sono anch’essi come la popolazione sradicati, incendiati, bombardati in una regione dilaniata dalla guerra.

Il melograno è un piccolo albero frugale adatto a climi aridi, fra i primi ad essere allevato dagli esseri umani nella mezzaluna fertile. La bellezza delle sue foglie di un verde brillante, dei suoi fiori vermigli e dei suoi frutti dal succo dolce ed acidulo ne fa un albero anch’esso carico di significati simbolici, che è stato presente nei miti, nelle leggende, nelle favole fin dagli albori delle civiltà.

vendemmia 13 029

I suoi numerosi frutticini rossi lo hanno reso simbolo di fertilità, abbondanza e di rinascita, ma anche di sensualità.

Ne parla Omero descrivendo il giardino dei Feaci dove crescono meli, peri, fichi, olivi e melograni. Melograne accompagnarono il viaggio nell’aldilà del faraone Ramsete IV; in Israele il re Salomone scelse come simbolo per la sua corona regale il calice del fiore che persiste anche nel frutto e che è diventato il prototipo delle corone di tutti i sovrani successivi.

Albero presente in molti miti, come quello di Demetra e della figlia Persefone, rapita da Ade e restituita alla madre per nove mesi all’anno, i mesi della rinascita della natura. Persefone deve tornare da Ade nei tre mesi invernali perchè ha assaggiato sette chicchi di una melograna cresciuta nel regno dei morti.

È presente come simbolo di fecondità nelle sculture e pitture di molte epoche.

Non è più diffuso come una volta nel nostro Paese, ma se si attraversano la regione spagnola di Alicante o le piane turche sulle sponde del Mediterraneo si incontrano estese coltivazioni di questo alberello, rivalutato recentemente per le sostanze antiossidanti ed antinfiammatorie che contiene.

 

Annunci

8 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Audrey
    Lug 31, 2014 @ 12:30:05

    Ciao Alessandra, ho appena visto il tuo commento e sono corsa per godermi il tuo post e condividerlo.
    Complimenti, questo viaggio è stato davvero molto interessante e particolare.
    Mi è piaciuta davvero tanto la tua idea di scegliere un simbolo importante e bello come l’albero, per poi mostrarci come ogni albero è legato ad altri simboli e storie.
    Ti ringrazio per la partecipazione 😉
    ti aspetto poi per scegliere la mia foto e per scoprire quale delle tue farà parte del post finale. Ti auguro delle buone vacanze 😀
    a presto

    Mi piace

    Rispondi

  2. Antonella
    Lug 31, 2014 @ 17:15:52

    Bellissimo post, un simbolo importante e universale che hai trattato con grande competenza e delicatezza. Sei stata davvero bravissima.
    Buon proseguimento di giornata.
    Antonella

    Mi piace

    Rispondi

  3. Norma
    Ago 22, 2014 @ 21:51:53

    Hai davvero centrato il tema, l’albero è il simbolo per eccellenza, tu ne hai fatto un bel ritratto con questi 3 alberi, uno diverso dall’altro, ognuno con le sue caratteristiche ma tutti importanti per noi.
    Grazie
    Ciao
    Norma

    Mi piace

    Rispondi

  4. Trackback: Il simbolismo di un viaggio tra sogno e realtà | Atelier du fantastique

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Cuore di Maglia

Mani di Mamma per Bimbi Piccini

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

NOI FACCIAMO TUTTO IN CASA

Alla riscoperta dei gusti di una volta....

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

Tetide

Giornalismo geologico

Il giro del mondo attraverso i libri

"I libri sono come anime imprigionate finché qualcuno li prende dalla libreria e dona loro la libertà" S. Butler

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

uno specchio sulle possibilità

sarde e finocchietto

le ricette di casa mia

Made by Kate

Kate Alinari, schemi ad uncinetto, amigurumi, I Balocchi del Tipo Strano, traduzioni e divertimento!

INGVterremoti

l'informazione sui terremoti

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

Pezze di storia

Storie e memorie di un pezzo di stoffa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: