il Tevere a Roma

Senza il Tevere e la sua isola Tiberina Roma non sarebbe sorta in quel punto, dove il fiume era  guadabile; nel vicino Foro Boario si radunavano i pastori per vendere i propri animali e altri prodotti agricoli già prima della fondazione della città. Nella palude che il fiume Velabro, affluente del Tevere, formava prima della confluenza, la leggenda vuole che fosse stata trovata la cesta con i piccoli Romolo e Remo.

La prima città fu fondata sulla sua riva sinistra, dove si trovano i suoi famosi sette colli; solo nel Medioevo si cominciò ad abitare oltre Tevere. Il fiume servì da linea di confine e sbarramento e come via di trasporto per le merci. Nel Medioevo, dopo il taglio degli acquedotti da parte dei barbari, servì come approvvigionamento di acqua potabile e come motore per i mulini galleggianti, ancora in funzione fino ai lavori del 1875.

piena tevere Roma da Castel s.Angelo durante la piena del 17-3-2011

Il rapporto fra la città ed il suo fiume è sempre stato strettissimo, ma non sempre idilliaco: il Tevere è un fiume che a differenza di quelli su cui sorgono altre grandi città, ha un regime torrentizio, con periodiche piene rovinose. Già gli storici dell’antichità avevano descritto le sue piene: Tacito parla di quella del 69 d.C., che distrusse il ponte Sublicio e provocò morti e carestia.

Se si passeggia per il centro di Roma si possono notare in diversi luoghi le lapidi che indicano il livello delle sue piene in secoli più recenti. Ogni volta i danni e le vittime erano ingenti, a ciò si aggiungevano i problemi igienici provocati dalle acque stagnati del fiume dentro la città. Gioacchino Belli in una sua poesia lo chiama “torpido, pigro e pregno di pacciume” e poi ancora “perfido aggirator di melma e loto”. Altro che la poetica immagine del biondo Tevere! Biondo sì, ma di melma e loto. Perfino la famosa fontana della Barcaccia di piazza di Spagna, eseguita da Pietro Bernini, coadiuvato dal figlio Gian Lorenzo, voleva ricordare una barca semisommersa dalla piena del 1598, una delle più disastrose, che causò tremila morti.

Tre mesi dopo la presa di Roma da parte dei bersaglieri, nel dicembre del 1870 un’alluvione disastrosa lasciò la città sommersa per giorni. Il giovane Stato italiano si trovò così a dover affrontare d’urgenza il problema in quella che era la nuova capitale.

Per l’occasione si mosse da Caprera anche Giuseppe Garibaldi, che era stato eletto deputato nel nuovo Parlamento. Si deliberò di istituire una commissione che esaminasse i progetti utili a difendere la città dai capricci del suo fiume. Alcuni di questi, fra cui  quello presentato da Garibaldi, prevedevano addirittura lo spostamento del corso del fiume. Prevalse invece il progetto dell’ingegner Canevari: la costruzione di muraglioni d’argine, la rimozione dei mulini e degli altri ingombri che ostruivano la corrente, la regolazione dell’alveo a cento metri di larghezza. Nel progetto originale si prevedeva anche la soppressione dell’isola Tiberina, ma furono tante e tali le proteste che si eliminò questo aspetto e l’isola, cuore di Roma, fu salva!

I lavori iniziarono nel 1877 e durarono circa cinquanta anni ed i muraglioni, certo non belli a vedersi, tagliarono il rapporto del fiume con la città, ma risolsero il problema delle inondazioni, per lo meno nella zona centrale della città.

piena tevere 6La piena del Tevere del 17-3-2011

Sui lungoteveri furono piantati i platani, che con la loro ampia chioma fanno ombra d’estate e ricoprono d’oro i muraglioni mitigandone la rigidità.

foto l 003La piena del Tevere dell’autunno 2005 all’altezza dell’isola Tiberina

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: il Tevere a monte di Roma | fiorievecchiepezze
  2. Trackback: Roma: il Tevere, il patibolo e i murales | fiorievecchiepezze
  3. Trackback: il Ponte Rotto a Roma | fiorievecchiepezze
  4. Trackback: il Tevere e le sue piene | fiorievecchiepezze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

itagnol.com/

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

Favole per bambini

Brevi storie della buonanotte da leggere ai bambini per sognare

fiorievecchiepezze

piante, animali e riutilizzo per lasciare una impronta piccola nell'ambiente

itagnol.com/

Ultime notizie dalla Spagna e dall'Italia

Lipstick On Coffee Cup

L'entusiasmo non é leggerezza. "L'entusiasmo è per la vita ció che la fame é per il cibo".

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Non Solo Campagna - Il blog di Elena

Il mio mondo, i miei libri, le mie storie

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Nel Mondo del Giardinaggio

Giardinaggio, natura e tanto altro!

ciboefilosofia

"Fa del cibo nello stesso tempo qualcosa di normale e di straordinario, di quotidiano e di eccezionale, di semplice e di speciale".

semplicemente homemade

Your Home Decor Gifts - cucito creativo,scrapbooking,bomboniere,home decor

Noi Facciamo Tutto In Casa

Ricette di casa nostra, tradizionali e innovative

gioiellidiale

gioielli(e non solo) in ceramica raku,creazioni in maglia e uncinetto e dolcini naturali!

In viaggio con Valentina

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite (Mark Twain)

Dolce & Salato Senza Glutine

La mia cucina è la mia passione... cucinare mi rilassa e adoro cucinare per me, ma soprattutto per la mia famiglia..

londarmonica

studio e ricerca: voce parlata - voce cantata - pratica strumentale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: